PER VENDERE DI PIÙ NEL TUO BAR IMPARA A DIRE NO AI TUOI CLIENTI.

Per vendere di più nel tuo bar impara a dire no ai tuoi clienti.

Ciao Barista, ti aspettavi una cosa del genere?

No, non sono impazzito, anzi se mi segui vedrai che c’è un filo logico dietro a quello che ti dico.

Anche tu come me quando hai aperto il tuo bar, sei partito pieno di energie e voglia di fare, avevi nella tua testa un’idea imprenditoriale unica, ne sono certo, tutti partono così, salvo poi scontrarsi con la realtà dei fatti, quindi quella idea di azienda unica piano piano inizia a sgonfiarsi, inizi a adattarti allo standard del settore, a cercare di non rimanere indietro rispetto alla concorrenza.

Ecco io vorrei riaccendere in te quella miccia che avevi quando sei partito, vorrei vedere il fuoco nei tuoi occhi dei primi giorni.

Un grosso problema che abbiamo, soprattutto in fase iniziale, o se è la nostra prima attività è l’insicurezza.

È così non c’è niente di male ad essere insicuri, quando si parla di rischio aziendale, ci sono in mezzo soldi, rapporti personali e familiari e anche la nostra faccia, sfido chiunque ad essere tranquillo con tutto questo peso addosso.

PER VENDERE DI PIÙ NEL TUO BAR IMPARA A DIRE NO AI TUOI CLIENTI.

E allora succede che cerchiamo di accontentare i nostri clienti in ogni modo, cosa molto giusta da una parte, ma che ci distrugge sul lungo periodo se continuiamo ad aumentare la nostra offerta per accontentarli.

Sono sicuro che quando hai aperto avevi già in testa cosa vendere nel tuo locale, dopo tanti anni invece quanta merce hai aggiunto e che potevi evitare di acquistare, e sono sicuro che hai aggiunto anche qualche servizio che potevi anche farne a meno.

Probabilmente penserai che dar retta al tuo cliente ti ha garantito di non perderlo, e che adesso lui è un tuo cliente devoto.

In realtà non è così, un cliente chiede qualcosa di cui sente di avere un bisogno ma che probabilmente ha trovato in qualche altro locale,

così facendo ti spinge ad omologarti a tutti gli altri locali della zona e ti spinge verso la generalizzazione.

Impara a dire NO ai tuoi clienti, in modo gentile ed educato, certo, ma devi declinare i loro suggerimenti.

Sei tu che devi decidere l’impronta da dare al tuo locale, il cliente non devi farti cambiare rotta.

Se scegli di specializzarti in qualcosa, non puoi farti deviare da qualche cliente che ti chiede qualche altro prodotto.

Tu credi che non ci sia stato mai nessuno che è andato al McDonalds a chiedere una pizza?

Sembra incredibile vero, eppure è successo

Chiaramente con esiti disastrosi.

Se scegli una focalizzazione non puoi farti deviare dalle richieste di qualche cliente, per questo insisto nel dire IMPARA A DIRE NO AI TUOI CLIENTI.

Prendi i ristoranti, ad esempio, quasi tutti all’interno del proprio menù inseriscono delle proposte vegetariane, la pizza, il vegano, il pesce, la carne, vogliono accontentare tutti ma non si rendono conto che stanno diventando una commodity, un posto per mangiare che si equivale con un altro.

Potresti avere delle proposte per accontentare tutti se la tua focalizzazione non è sul cibo, ma sull’esperienza, allora i prodotti vanno in secondo piano, ma devi sempre ragionare anche sull’ottimizzazione dei processi aziendali.

Infatti, più aggiungi prodotti e servizi e più incasini l’erogazione e il servizio, molto spesso è meglio fare meno ma farlo bene.

Questo punto è molto importante e va chiarito.

Prendiamo il bar, c’è un servizio che cambia durante la giornata, la colazione, l’aperitivo, il pranzo, il dopo pasto, di nuovo l’aperitivo e poi l’after dinner, ci sarà anche qualcuno che farà la cena,

già impostato in questo modo questo lavoro è di una complessità aziendale incredibile perché si passa da un servizio all’altro durante tutto l’arco della giornata.

Ora se a tutto questo aggiungiamo prodotti o servizi nuovi andremo solo ad incasinare ulteriormente il nostro lavoro ed il nostro personale,

l’erogazione del servizio o prodotto deve essere il più semplice possibile,

è la strategia a monte che porta i clienti dentro e che li spinge a ritornare più spesso e a spendere di più che deve essere raffinata.

Ecco questa strategia prende il nome di MARKETING.

Ormai ne parliamo da un pezzo ed abbiamo creato anche un manuale che ti guida passo passo nella creazione del marketing del tuo bar.

Quindi se vuoi rimanere sulla retta via e continuare a crescere con la tua azienda, declina gentilmente le richieste dei tuoi clienti e vedrai che ti troverai molto meglio.

Ah prima di chiudere vorrei chiarire una cosa, dire NO non significa non ascoltare il tuo cliente, devi sempre leggere tra le righe, se ti sta parlando per un proprio interesse personale oppure ti sta dando delle indicazioni per rendere il tuo prodotto o servizio speciale per lui, quindi cerca di capire chi hai di fronte, ma non accettare tutto solo per paura di perdere un cliente, altrimenti il rischio è di perderne tanti in futuro.

Ti invito ad iscriverti alla nostra newsletter per ricevere direttamente sulla tua mail tutti i nuovi e i vecchi articoli del blog, inserisci qui i tuoi dati.

Alla tua Libertà

Mirko Bifano

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

QUIZ GRATUITO

che barista sei?