COME LAVORARE AL BAR NONOSTANTE GLI IMPEDIMENTI DELLA FASE 2, SALVANDOTI GRAZIE AL PIANO ATTIRA CLIENTI

20 Aprile 2020 0 Di baristalibero
COME LAVORARE AL BAR NONOSTANTE GLI IMPEDIMENTI DELLA FASE 2, SALVANDOTI GRAZIE AL PIANO ATTIRA CLIENTI

SI, E’ UN MACELLO! Lo sappiamo, e stiamo seguendo gli eventi. Non è facile per me scrivere e non sottovaluto la gravità della situazione. Ma non è bloccandoci che riusciremo ad andare avanti.

 

Proprio in questi giorni sta girando in rete, il video di una Barista di Amsterdam, che “mostra” in maniera estrema, lanciando e mandando in 1000 pezzi tazzine, piatti, bicchieri e posate sul tavolino a 1.5mt di distanza, come avverrebbe il servizio ristorativo, qualora si dovesse riaprire con le misure a “tutela” del cliente. Improponibile.

Imprenditori giustamente disperati, maggior parte di loro colti pienamente alla sprovvista da questa crisi che ha imposto lo STOP obbligatorio alle proprie attività. Siamo giunti al termine di 11 anni di continua crescita globale, non si può negarlo. Ma alla fine il COLPO è arrivato. Non sarà l’ultimo della storia.

 

Ad oggi, 18/04/2020, e sapendo che i primi allentamenti avverranno il 3/05/2020, mi auspico che non si dovrà far uso di tali restrizioni e nel caso in cui lo fosse, spero in un più veloce possibile ritorno alla normalità.

 

Certo è che, SE a quest’ora tu avessi avuto la tua lista clienti, il tuo gestionale, diversi canali di acquisizione clienti, diversi metodi di vendita prodotto/servizio senza contare esclusivamente sulla vendita al dettaglio, la tua comunicazione diretta già testata e provata nel periodo pre-virus…

a quest’ora ti saresti trovato in ben altra situazione, applicando, implementando e migliorando delle tecniche che conoscevi già da tempo.

Non è vero?

A differenza dei tuo concorrenti che in questo momento, PURTROPPO, si sono visti obbligati a chiudere l’attività, sostenendo comunque i costi fissi essendo impossibilitati per mesi a 0 guadagni, con l’incubo della riapertura con nuove regole e che andranno sicuramente ad intaccare i ricavi! Purtroppo è così!

BISOGNAVA pensarci prima! Come andiamo dicendo da Settembre 2018.

 

E’ meglio imparare a remare con costanza quando il mare è abbastanza calmo, o preferisci essere costretto a dover imparare a remare nell’oceano in tempesta con il vento che ti soffia contro?

In Italia chi sta al “potere” sta amministrando la questione, GESTIONE EMERGENZA, nel peggior modo inimmaginabile. Ma non lo diciamo noi che siamo incazzati neri come te, bensì i fatti degli altri paesi…che lentamente lentamente ad oggi, stanno RI-APRENDO le aziende.

Inadeguatezza, misure di aiuto alle imprese ridicole, ritardi nel pagamento cassa integrazione ai lavoratori dipendenti, incapacità generale e comunicazione disastrosa che andrà inevitabilmente a colpire la figura dell’Italia intera nel mondo.

 

Che fare quindi? Come poter mettere una garza a questa emorragia?

O far in modo che con tutto il sangue versato, tutti gli sforzi che andremo a fare non vengano vanificati in pochi mesi?

La storia insegna, dopo ogni grande crisi, dopo ogni momento buio, c’è la ripresa!

Dici che non sarà così? Pensi che questa volta non sarà come le altre?

Sai a cosa penso….che questa è la prima grande crisi ai tempi dei social. Si perché in questi mesi sarai d’accordo con me, che siamo stati bombardati notte e giorno da notizie di cronaca, allarmi, e maledizioni, e immagini di guerra….insomma, l’emergenza sanitaria esiste e non dobbiamo negarlo.

Ma passato tutto questo caos mediatico…dovremmo far fronte alla prossima vera e propria emergenza, quella ECONOMICA!

Ti dirò di più…o implementiamo tecniche avanzate di marketing strategico, acquisizione clienti, differenziazione del tuo business, raccolta dati e tanto altro che spieghiamo all’interno del nostro Blog….o alla prossima Grande Guerra Economica …arriverai ancora una volta con le “ciabatte di cartone”.

Capisci cosa intendo? Segnati questa data, 18.4.2020, nel giro di 5/8 anni, l’economia globale subirà un altro durissimo colpo!

E tu, che fai parte di Barista Libero, NON sarai travolto come gli altri!

Quindi ciò che puoi fare in questo momento nell’attesa della lenta ri-apertura è quella di tenere bene a mente questi 5 punti:

  • mantenere la pagina del tuo locale facebook attiva. Non dar modo ai tuoi clienti di dimenticarti, tienili sempre legati a te, condividi con loro gioie ed anche dolori, la vicinanza in questi momenti è molto importante. Anche i tuoi clienti sono umani, hanno famiglie e amici, di sicuro un supporto in più non gli farà pesare più di tanto questi momenti difficili. Il tuo locale sarà anche chiuso, ma la comunicazione deve continuare. Sempre. Se non lo puoi fare sempre tu, chiedi a qualche tuo collaboratore o famigliare di darti una mano. Siete sulla stessa barca.

 

Fai un click e accaparrati prima del tuo concorrente IL PRIMO MANUALE fatto su misura per i Baristi, dove imparerai in maniera scientifica e non “ad cazzum”, come creare un volantino, attirare l’attenzione di nuovi clienti portandoli con una call to action nel tuo locale a spendere, stimolare quella dei tuoi già clienti e soprattutto, ATTENZIONE, che NON finirà nella spazzatura proprio come tutti gli altri!

Quelli che trovi quando apri la cassetta della posta e sbuffando per la “pubblicità”, puntualmente accartocci con una mano, buttando nella spazzatura soldi e soldi di chi li ha spesi per farli ”ad cazzum”.

 

  • Comincia a pensare a crearti la tua lista clienti! Gestionale, Foglio excel, quaderno, come preferisci tu.

Se ce li hai già, MEGLIO per te. Anche se costretto in casa, o in seguito, a lavorare con le restrizioni della fase 2, hai ed avrai dei canali importantissimi per comunicare con loro.

Se non ce l’hai, sarà fondamentale costruirla. Si perché averla ti darà il modo di attirarli a te, di comunicargli delle offerte che farai invogliandoli a spendere di più nel tuo locale, potrai creare degli eventi e quindi avvisarli

Con degli stratagemmi che ti sveleremo poi, andrai a stimolare i referrals. Come chi sono?

Gli amici e conoscenti dei tuoi clienti che, non sono ancora venuti da te. E se fai ciò che ti diciamo, VERRANNO!

E vuoi saper la cosa figa….non vedranno l’ora di accorrere nel tuo locale!

Sappiamo bene che già prima della pandemia non era più sufficiente aprire la serranda per poter avere frotte di clienti spendenti, figuriamoci dopo.

“Paga già adesso e solo per oggi il tuo prossimo espresso  ti costerà la metà.”

Questa strategia ti serve quando hai bisogno di far cassa velocemente, ma devi prestare attenzione, non puoi abusarne, perché se dici solo per oggi poi non potrai prolungarti più di tanto, onde evitare di perdere la credibilità in futuro nei confronti dei tuoi clienti.

Tutti i dettagli voglio che sia tu a leggerli nel link che ti ho messo qui sopra.

 

  • Studia la differenziazione ed il posizionamento del tuo Brand.

Per salvarti in fase 2 ed in seguito alla ripartenza completa, dovrai studiare la differenziazione del tuo business. Tanti dei tuoi competitor non riusciranno ad aprire, rimasti troppo piccoli, fragili e tutti uguali tra loro, lasciandoti ancora più tempo per irrobustire il tuo Brand.

 

ALL’ANTICO VINAIO. Ti dice niente? Enogastronomia Fiorentina, presente sul mercato dal 1991.

Vendono specialità Toscane, peculiarità molto ricercate, ma soprattutto la…

SCHIACCIATA FIORENTINA!

 

Certo, non sono partiti che erano già famosi ed “Imparati”, ma negli hanno costruito un BRAND FORTISSIMO, UNICO! E parliamo di PMI ITALIANA,  immagina, sono partiti nel ’91 in un Italia comunque bella attiva, sono arrivati agli anni duri 2008/2012 e, nel 2014 hanno ottenuto un riconoscimento a dir poco niente male:

“Il locale più recensito al mondo” e nonostante ciò, vedendo il continuo proliferare di nuove aziende in tutta la città protese a contendersi il mercato, hanno schiacciato il pedale sull’”acceleratore” della differenziazione!

 

Facebook, Instagram, i principali canali di comunicazione e amplificazione del Brand.

“Bada home la fuma” , “Bada home la hola”, questi slogan creati ad hoc dal proprietario, servono ad amplificare in maniera completamente ironica la bontà e la succulenza delle Schiacciate appena sfornate.

Hai capito la tecnica? Vendere SI ottime Schiacciate e quindi ottimi prodotti, ma sarà il COME , che farà tutta la differenza.

Quante enogastronomie ci sono a Firenze che vendono tutto, in locali che non vogliono dire praticamente niente, che negli anni hanno venduto tutto e tanto a tutti senza rimanere nella mente dei propri clienti, al primo colpo sono caduti come foglie secche e chi è rimasto in piedi per fortuna, è venuto giù purtroppo con questa altra tremenda mazzata, il corona virus e seguente crisi economica.

Proprio in questi giorni, seguendo foto e video dell’Antico Vinaio, ho visto che nelle stories di instagram il titolare aveva creato dei sondaggi, chiedendo ai clienti se avessero comprato o no con delivery.

Risultato sondaggio all’unanimità per il delivery e semaforo verde da parte dei clienti.

Risultato post sondaggio: Sistema delle prenotazione in TILT! Troppe richieste!

Almeno, questo è quello che hanno detto nelle stories di instagram….quanto scommetti che il giorno dopo erano tutti pronti a fare click-click per essere i primi ad essere serviti?!

Conseguenza:

Fatturato? Alle stelle! In periodo COVID-19.

E dopo la pandemia? Pensi che questo Brand sparirà? No!

Ok? Sono riuscito a trasmetterti l’importanza di valorizzare al massimo il tuo brand?

Devi estremizzare ciò che fai, vendendo il tuo prodotto/servizio.

Devi arrivare al punto che i clienti non vedano l’ora di venire a comprare da te!

 

L’Antico Vinaio vende Focacce farcite…meglio note come SCHIACCIATE ed in modo ESTREMO!

 

Io sono il PRIMO che appena ritornerà a Firenze dopo tanti anni, andrà a fargli visita, e credimi…te lo dico già adesso, porterò amici e parenti + take away….non mi importa se spenderò 50€ o più in focacce farcite. Dicono che siano strepitose e questo mi fa piacere, ma la mia mente dice solo Antico Vinaio.

Ovviamente ci saranno stories sui miei profili e pubblicità esponenziale attraverso i miei canali verso persone che magari ancora non conoscevano quel posto…

Sono sicuro di esserti stato d’aiuto. Assieme a te, riusciremmo a differenziare il tuo locale e a portarlo al successo.

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter per rimanere in contatto con noi, continua a tenere duro, ne usciremo più forti di prima.

Alla tua Libertà

Giacomo Grosso

Giacomo Grosso