Barista, se rimanere piccolo non ti terrorizza a morte, sei fregato prima di quanto tu creda!

25 Febbraio 2020 1 Di baristalibero
Barista, se rimanere piccolo non ti terrorizza a morte,  sei fregato prima di quanto tu creda!

L’altro giorno sul gruppo Facebook di Barista Libero ho scritto questo pensiero:

 

“Perché crescere deve essere il pensiero che non ti fa dormire la notte?

 

Mi piacerebbe trasmettervi questa cosa, sono pieno di idee dovuto a questi giorni di formazione, però noto sempre di più nei baristi un continuo

 

Lamentarsi ed accontentarsi

 

Ci sono indubbiamente tra di voi dei locali che lavorano molto bene, portano a casa un bello stipendio però non hanno mire espansionistiche, non vogliono diventare più grandi, per evitare altri problemi!

 

Spesso si pensa:

 

PICCOLO È BELLO

 

Meno problemi, meno dipendenti, meno sbattimenti, meno fornitori.

 

Ma la volete la verità?

 

PICCOLO È FRAGILE

 

Rimanere piccoli vi costringe ad essere soggetti al fornitore grosso che vi tiene per le palle, al cliente grosso che fa altrettanto, vogliamo parlare della banca?

 

Ogni piccolo intoppo o disturbo può farvi saltare la cassa.

 

Mi dispiace dirlo così ma essere piccoli significa essere fragili.

 

So bene di cosa parlo perché anche io con il mio bar ero minuscolo e subivo le angherie di tutti questi soggetti.ting

 

Ma oggi è ancora possibile espandersi e crescere?

 

Assolutamente si, non solo è possibile ma è necessario, a questo proposito stiamo lavorando su un metodo che permetta ai baristi di far crescere il proprio locale, la propria clientela e il proprio fatturato,

 

rimani aggiornato iscrivendoti alla nostra lista sul sito:

 

https://baristalibero.com/contatti/

 

 

Lo so che il pensiero di molti di voi è che sono sempre troppo esagerato, che magari scrivo questi post e questi titoli solo per raccogliere qualche mi piace e qualche cuoricino, ma la verità è che sono anche troppo tranquillo, dovrei tirare delle bombe per farvi svegliare e farvi uscire da questa catalessi che vi avvolge.

 

Siete e siamo l’anello più debole della catena alimentare, e invece di pensare a come salire in cima a questa catena, cerchiamo di scendere ancora o rimanere immobili, questo non va affatto bene.

 

Vuoi parlare faccia a faccia con il tuo direttore di banca guardandolo negli occhi fiero e trattarlo da tuo fornitore quale è?

 

Diventa più grande

 

Vuoi costringere il tuo fornitore ad abbassare i prezzi perché altrimenti i tuoi margini si assottigliano troppo?

 

Diventa più grande

 

Vuoi rispondere al tuo cliente più grande che non puoi fargli un ulteriore sconto, sei tu che decidi i prezzi!

 

Diventa più grande

 

Si dai, so bene cosa pensi:

“a parlare è facile, ma poi come faccio che non ho abbastanza soldi?”

 

Prima di tutto non è facile nemmeno a parlare, non ho mai detto che crescere come azienda sia semplice, ma ho detto che deve essere il tuo pensiero fisso, e che devi compiere quante più azioni possibili per raggiungere questo obbiettivo.

 

Come si fa per crescere e rendere quindi l’azienda più stabile e sicura?

 

Ci sono alcune parti dell’azienda che vanno messe a posto se vuoi crescere e vuoi crescere velocemente.

 

Prima di tutto la parte economica e numerica, perché solo conoscendo i tuoi numeri puoi fare in modo che l’azienda cresca ed in modo sano,

 

 cosa significa questo?

 

Significa che potresti, ad esempio, anche crescere perché hai chiesto un mutuo, per aprire un altro bar, ma stai andando in automatico ad aumentare i tuoi costi, e quindi devi ben valutare se sia una cosa fattibile o meno.

 

Invece per crescere in modo sano, prima di tutto devi sistemare la tua azienda con i numeri,

 

 e qual è il modo corretto di creare un azienda?

 

L’azienda è composta da ASSET che sono sostanzialmente, beni e persone che compongono la tua attività.

 

Tutto questo si sostiene grazie alle VENDITE, che devono crescere più degli asset.

 

Le vendite generano i PROFITTI, che devono crescere più delle vendite.

 

Tutto questo si traduce in CASHFLOW OPERATIVO, cioè cassa che rimane sul tuo conto corrente, sono in pratica gli utili che fa l’azienda.

 

Cosa farai quindi con questi utili?

 

Qui avviene la magia della crescita, gli utili saranno investiti in parte in marketing per generare ovviamente più vendite e in parte nell’acquisizione di asset, come assumere dipendenti, aprire nuove sedi, acquistare macchinari e quant’altro.

 

Questo è il modo di crescita sano per tutte le aziende del pianeta.

 

Quindi qual è la prima cosa che devi fare se vuoi metterti in riga ed  iniziare a crescere?

 

Devi accorciare i tempi delle vendite il più possibile (ovviamente aumentandole), ed allungare il più possibile i tempi dei costi  (ovviamente devi tenerli sotto controllo e ridurre al massimo gli sprechi.)

 

Detta in parole povere, aumenta le vendite e gli incassi e cerca di spostare in avanti i pagamenti, fin quando i fornitori te lo permettono ovviamente, naturalmente questo denaro deve rimanere sul tuo conto corrente, non devi sputtanartelo altrimenti il rischio fallimento è dietro la porta, a questo punto devi cercare di iniziare a fare marketing per la tua azienda, ma fatto bene, senza sprecare denaro, ma ne parleremo in un’altra occasione, per ora è già tanta roba da fare.

 

Ok per quanto riguarda allungare i pagamenti, non è difficile da capire nei limiti del possibile, lo puoi fare con qualche fornitore, non hai grandi chance per muoverti in questo senso, però con i tuoi fornitori cerca di tirare il più possibile.

 

Invece per quanto riguarda gli incassi, qui puoi fare molto, anche senza spendere denaro in marketing, almeno per il momento.

 

Sul blog, puoi trovare diversi articoli che parlano di questo argomento, per il momento ti lascio il link di quello che penso sia il più importante, quello che ti permette di fare più incassi grazie agli UPSELL  e CROSSELL, e senza fare grandi investimenti.

Barista, guadagna il doppio su ogni cliente con questa tecnica a partire da domani

 

Dimmi cosa ne pensi sul gruppo Facebook e non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti per migliorare il nostro lavoro.

 

 

Alla tua libertà

 

Mirko Bifano

Mirko Bifano