Metti fine alla processione di fornitori davanti alla porta del tuo bar

9 Settembre 2019 0 Di baristalibero
Metti fine alla processione di fornitori  davanti alla porta del tuo bar

Sveglia presto la mattina, anzi che dico presto, prestissimo, nemmeno il sole ne vuole sapere di svegliarsi, soprattutto d’inverno, uscire da quelle coperte calde per andare ad affrontare il freddo è dura, eppure lo fai tutti i giorni, lo so bene, poi diventa un’abitudine, una routine, diventa anche bello dopo un po’ essere quello che la mattina sta sempre sul pezzo.

Arrivi davanti alla serranda del tuo locale, la apri e ti infili dentro, inizi a mettere in moto tutto, a far partire le macchine, ad accendere le luci, il forno, ci sono le brioche da cuocere, prepararsi ad affrontare una nuova giornata, e prepararsi ad affrontare una marea di clienti, ció che si spera sempre.

Con questo lavoro incontri centinaia di persone e sono sicuro che capita sempre anche a te, come capitava a me, di ricevere puntualmente tutti i giorni la visita di qualche fornitore.

Tutti i santissimi giorni davanti alla mia porta una fila interminabile di venditori di qualsiasi cosa, i prodotti più disparati, spero vivamente di essere stato io quello sfortunato e che tu venga lasciato in pace, ma sinceramente sono sicuro del fatto che succede anche a te di avere la processione di fornitori davanti alla tua porta, ci scommetterei,

ho fatto centro vero?

Ma capiamo il perché succede questo fenomeno e vediamo se è possibile risolverlo una volta per tutte ed essere lasciati in pace e lavorare serenamente.

Ora è chiaro che abbiamo bisogno di merce da vendere, tutte le aziende ne hanno bisogno, il bar non fa eccezione, e non voglio denigrare il lavoro durissimo del venditore, anche perché in fondo siamo tutti venditori, i baristi, i camerieri, gli imprenditori in genere, chiunque sia a contatto con il cliente, studente o paziente è un venditore, però ricevere senza preavviso la visita di venditori , è un qualcosa che sinceramente a me dava un tremendo fastidio, magari arrivavano anche in orari improponibili per un bar, tipo di mattina presto con il pienone di clienti per la colazione, ovviamente ho sempre dato priorità al cliente, ci mancherebbe altro, ma il solo fatto di essere passato in determinati orari fa di loro dei venditori scarsissimi, che non conoscono affatto il loro target di clientela.

Dicevamo, perché veniamo inondati dalle visite di questi venditori?

Te lo dico, e sarò ridondante, il motivo principe del fatto che ricevi centinaia di venditori durante l’anno è uno solo:

se continui a vendere centinaia di prodotti di aziende diverse, continui a fare il rivenditore di altre aziende e automaticamente vieni visto dai venditori come un possibile cliente, sei generalista.

Te la faccio molto più semplice:

“Se hai decine o centinaia di prodotti, di marchi diversi, chiunque può pensare di prendere un posto in uno scaffale del tuo bar, sei tu che gliene dai motivo, quindi qualsiasi azienda che vende un prodotto vuole il suo posto all’interno del tuo bazar”

È così purtroppo.

Non è una cosa buona,

Agli occhi del venditore che cerca di appiopparti il proprio prodotto e a quelli dei clienti sei totalmente INDIFFERENZIATO.

E quindi?

E quindi il tuo bar non fa differenza da tutti gli altri.

Lo so che è brutto da dire ma è così, anche per me era la stessa cosa, però adesso ho capito che avevo commesso degli errori grossolani e sto cercando di fare ammenda aiutandoti a differenziare il tuo bar dalla concorrenza, io l’ho capito troppo tardi, ma tu sei ancora in tempo per rimediare.

Quindi per focalizzare il tuo bar devi fare una scelta coraggiosa che è quella di SCEGLIERE.

Esattamente, devi fare una scelta, non puoi fare tutto come stai facendo in questo momento.

Non fraintendermi (anche se tu in questo momento stai lavorando) hai un raggio d’azione troppo ampio, quindi significa che hai al 100 % delle spese altissime, sprechi, e dispersione di lavoro, ma non per colpa tua, è normale cercare di andare a prendere più clienti con più servizi e prodotti, solo che questo modo di fare ti costringe ad avere più magazzino, più dipendenti e quindi molti più sprechi.

Restringere la focalizzazione su un prodotto o servizio è contro intuitivo, ma rifletti con me adesso,

è una scelta saggia, perché ti costringe a restringere i prodotti in magazzino, avendo così un controllo maggiore,

il personale è molto più contenuto, sicuramente più preparato, e soprattutto hai un messaggio da diffondere con il tuo marketing che prima non potevi avere se eri un generalista.

Ma veniamo ai nostri venditori fuori dalla porta,

immagina che la tua azienda sia focalizzata su un prodotto o servizio

in automatico molti di questi venditori si sentiranno squalificati,

saranno loro che non si presenteranno più alla tua porta, perché capiranno che “non c’è trippa per gatti”.

Finalmente potrai fare il tuo lavoro  senza interruzioni, sarai riconosciuto facilmente dai clienti, che ti riconosceranno per questa tua specializzazione, diventerai conosciuto nella tua zona di riferimento e potrai espanderti, e soprattutto inizierai a far circolare fra i clienti il tuo brand.

Come detto prima puoi focalizzare l’azienda su un prodotto o servizio, noi con barista libero ti diamo la possibilità di specializzarti nella caffetteria, lo facciamo in due modi:

  • Ti forniamo caffè in grani, con la TUA etichetta, puoi iniziare in questo modo a diffondere il tuo brand fra i clienti e non più quello della torrefazione
  • Ti forniamo attrezzature, materia prima e formazione per poter iniziare a tostare il caffè nel tuo bar, questa è la soluzione definitiva se vuoi diventare completamente indipendente

Se vuoi risolvere una volta per tutte il “problema” dei venditori fuori dalla porta del tuo locale, devi fare una scelta, restringere il campo d’azione della tua attività su un prodotto o servizio.

Metti fine alla processione di fornitori davanti alla porta del tuo bar focalizzando la tua azienda, iscriviti alla newsletter se ne vuoi sapere di più, inizia a cambiare la tua vita lavorativa inserendo qui in basso la tua mail e scopri quanto stai lasciando sul piatto tutti gli anni.

Alla tua libertà

Mirko Bifano

Mirko Bifano