LA VERITÀ NUDA E CRUDA SUL LAVORO DEL BARISTA.

20 Maggio 2019 0 Di baristalibero
LA VERITÀ NUDA E CRUDA SUL LAVORO DEL BARISTA.

È vero, alzarsi prima dell’alba non è facile. Avere la costanza di farlo per anni anni e anni non è da tutti, stare a contatto ogni giorno con i clienti e chiacchierare con loro anche quando abbiamo una giornata NO, è veramente dura.

Sarà sicuramente capitato anche a te di discutere e parlare con persone che non sono abituate a stare a contatto con il pubblico.

Hai notato tutte le differenze caratteriali?

Niente di male, ma sicuramente sono meno predisposti ai rapporti sociali e con caratteristica timidezza di chi non è abituato a rapportarsi con il pubblico ogni giorno.

E questa se vogliamo, detta in chiave moderna , è solamente la parte social, quella che i clienti e le persone vedono dal di fuori.

Poi c’è la parte burocratica per i baristi imprenditori, la collaborazione con collaboratori e colleghi, trattare con i fornitori ed avere una forza mastodontica nelle gambe per reggere tutte le ore in piedi al banco.

Però come dico sempre, non dobbiamo pensare solo ed esclusivamente al fatto che l’erba del vicino è sempre più verde, diciamo che comunque non lavoriamo all’interno di un capannone gelido d’inverno e rovente d’estate, dai, non cerchiamo sempre il pelo nell’uovo, ci poteva andare peggio.

Ognuno di noi ha un potenziale nascosto che non aspetta altro di esser messo in risalto.

I più temerari hanno il coraggio e la determinazione di tirarlo fuori da soli, andando contro tutto e tutti … altri invece hanno bisogno di un leggero accompagnamento iniziale per poi prendere forza ed esprimersi a pieno regime.

In questo articolo non voglio star li a creare elenchi o punti su cose buone e cose cattive… già viste e riviste

Ma trasmettere a più baristi possibili tutte le possibilità di lavorare meglio, in serenità e trarre il maggior profitto dal prodotto numero 1 che utilizziamo ogni giorno: IL CAFFÈ

Se ci segui da tempo saprai sicuramente che ci battiamo per far si che i baristi non siano più succubi di una torrefazione a caso.

Paginoni Da leggere, tematiche complesse, niente di tutto ciò…

Ti basta un click su:

www.baristalibero.com

e una volta letta la pagina – COSA È BARISTA LIBERO – ogni volta che riempirai il porta filtro per fare un altro caffè te ne pentirai esclamando:

QUESTO NON È IL MIO CAFFÈ!

Ed è li che anche tu aprirai gli occhi, ci penserai di notte e di giorno andrai a prendere informazioni sul sito, o addirittura penserai inizialmente… ah! eccoli qua! gli ultimi arrivati! questi di Barista Libero chissà cosa vogliono rifilarmi!

Quello per cui ci battiamo deriva da nostre esperienze passate al lavoro, prese in giro sul comodato d’uso, fatture sul caffè sempre in aumento e pubblicità presso il NOSTRO bar di altre aziende!!

Non c’è scritto da nessuna parte che se voglio aprire la mia azienda ( il mio bar ) “Devo” per forza dipendere da un’altra!!

Per chi cavolo ci hanno preso? PER UN INTERMEDIARIO!??

Non ci sto! Ho la mia azienda! Ho i miei clienti ! E dò loro il mio prodotto!

Facendo attenzione ovviamente ai costi di investimento, di produzione, manutenzione e differenziandomi dalla concorrenza.

Perchè?

Perchè….

Non c’è più spazio nel nostro paese, ma più in generale nel mercato mondiale, per chi fa tutto per tutti a prezzi vantaggiosi.

Quando parlo dell’importanza di focalizzarsi, della differenziazione o di un qualsiasi concetto di marketing che non sia il “vado a lavorare e dico che esisto”, le persone storcono il naso, adducendo le peggiori scuse possibili.

Frank Merenda

 

Questa parte qui sopra è tratta da una serie di email che ricevo quasi quotidianamente.

Negli ultimi mesi come negli ultimi anni anche grazie a Frank e ai suoi preziosi contenuti mi sono reso conto che (giustamente) ha tutte le ragioni!

Dimostrando soprattutto con i fatti, imprenditorialmente parlando, di sapere cosa insegna e cosa comunica.

Perchè è così testardo nel farlo?

PERCHÈ CI TIENE!

E perchè non ne POSSIAMO più di vedere così tanti ECCELLENTI ITALIANI sguazzare nella mediocrità!

NON ESISTE! BARISTA, FUORI LE PALLE!

Si anche se sei donna! SOPRATTUTTO!

Le Bariste con la B grande Sono donne pazzesche! TI STENDONO!

La verità è che molti baristi purtroppo sono sottovalutati. O ancor peggio, Pensano (condizionati da opinioni altrui) di non poter essere in grado di dar vita al proprio caffè.

Stravolgendo così la propria azienda, alleggerendo le spese e UDITE UDITE, GUADAGNANDO DI PIÙ!!

Oh! Non ho detto che è facile! Dico che si può fare! E si farà!

Tutti all’inizio andiamo a gattoni!! Ma chi stabilirà il nuovo record mondiale sui 100mt??!!

La verità che PUOI FARCELA te la vogliono tener nascosta perché andrebbe CONTRO i loro INTERESSI!!

Fatti furbo e informati!! Basta un click!

Ti diró di più, VUOI I FATTI?… guardami TOSTARE IL CAFFÈ per la prima volta in Vita mia!!

Se vuoi rimanere in contatto con noi iscriviti alla nostra newsletter qui

 

 

 

 

 

Alla Tua Libertà

Giacomo Grosso

Giacomo Grosso

PS:

Circa il 98 % dei bar sul suolo italiano è impostato allo stesso modo, sono dei bazar con all’interno centinaia di prodotti, a parte determinati bar storici (per intenderci parliamo dei primi caffè storici al mondo), non ci sono bar che puoi ricordare con un brand forte magari a livello nazionale, ora pensaci bene, se magari ti viene in mente qualche bar con un brand forte guarda se non è focalizzato su qualcosa in particolare e soprattutto se non produce in proprio il suo prodotto, buona ricerca, anche se conosco già l’esito…