Barista stai trascurando la comunicazione? Ma hai qualcosa da comunicare?

Non credo ci sia ancora bisogno di ribadirlo, la comunicazione è più che mai necessaria, in questo mondo fatto di informazioni dobbiamo comunicare continuamente.

 

Un’azienda che non comunica è un’ azienda che non esiste.

 

Ora però voglio capire cosa puoi comunicare se il tuo locale non ha qualcosa che lo differenzi dagli altri.

 

Se hai il classico bar generalista che vende il caffè del torrefattore, le patatine della sancarlo, le gomme della perfetti e gli ovetti kinder, non c’è tanto da comunicare.

 

Come puoi fare a generare anche un messaggio che ti faccia riconoscere in mezzo alla miriade di locali uguali al tuo.

 

Devi realmente iniziare a prendere una strada, devi differenziarti dai tuoi concorrenti se vuoi riuscire ad emergere e ad ottenere risultati straordinari.

 

Lo so bene che è difficile, non credere, hai sempre paura di perdere clienti, è già così difficile conquistarli, a perderli ci si mette un attimo.

 

A questo proposito il mio consiglio non è mai di stravolgere l’azienda dall’oggi al domani, spiazzando completamente i clienti.

Un cambiamento all’interno dell’azienda va inserito a piccoli passi.

 

Immagina di voler stravolgere il tuo locale inserendo solo prodotti bio, ad esempio, non andrai a sostituire l’inventario con questi prodotti, ma inizierai ad affiancare e lentamente andrai a ridurre qualsiasi altra merce che non è bio, quando la trasformazione sarà completata avrai un messaggio da comunicare, chiaro e preciso, non sarai più il solito bar generalista.

 

Noi parliamo sempre dell’importanza di essere padrone del tuo prodotto, è una cosa che ti consiglio di fare sempre, se riesci cerca sempre di produrlo in proprio o fartelo produrre ma con il tuo marchio, è molto importante perché serve a creare il tuo brand che deve essere riconosciuto e che può crescere oltre il tuo locale.

 

Anche per quanto riguarda il caffè, decidere di iniziare a tostare non deve farti stravolgere il tuo locale dall’oggi al domani.

 

Continua a lavorare con il tuo torrefattore, nel frattempo inizia ad informarti e a formarti con corsi di formazione, poi decidi di fare l’investimento ma sempre continuando il tuo lavoro normalmente.

 

Quando ti senti pronto inizia ad inserire il tuo caffè un po’ alla volta, vedi le reazioni dei clienti e piano piano andrai a sostituire completamente il con il caffè tostato da te, non è difficile e non è rischioso, c’è solo da tirarsi su le maniche e decidere di cambiare la propria sorte.

 

Dopo aver sostituito completamente il tuo caffè a quello del torrefattore non credi ci sia ora un messaggio chiaro che puoi diffondere sul tuo bar e sulla tua azienda?

 

Ora finalmente hai qualcosa da comunicare!

 

Fammi sapere cosa ne pensi sul nostro gruppo pubblico facebook ed iscriviti alla nostra newsletter se vuoi rimanere in contatto con noi,

ti basta inserire il tuo nome e la mail qui in basso

 

 

Alla tua libertà

 

Mirko Bifano

Mirko Bifano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: